Senza categoria

A scuola di vampiri

laboratorio-per-ragazzi-vampiri

È più figo Bela Lugosi o Edward Cullen? Tutti i ragazzi stanno in silenzio, qualcuno sbuffa, una ragazza in fondo alla sala gioca con la gomma da masticare. Poi all’improvviso abbasso la luce e sullo schermo compare la faccia insanguinata di Cristopher Lee.

Non morti, succhiasangue, pipistrelli e latin lover dall’accento ungherese, crudelissimi e dallo sguardo magnetico i vampiri sono sempre riusciti a stregare e affascinare il cinema, la letteratura e l’arte in genere. Il laboratorio si propone di riscoprire la storia dei vampiri attraverso le immagini e i racconti che li hanno resi famosi, dai classici della letteratura gotica come Carmilla e il Dracula di Bram Stoker fino ai vampiri fighettissimi della saga di Twilight, passando per Nosferatu e Francis Ford Coppola.laboratorio-creativo-per-ragazzi-vampiri

E se dopo un secolo di romanzi e film e fumetti i vampiri ci fanno ancora venire la belle d’oca e battere il cuore un motivo c’è. I mostri sono miti che raccontano qualcosa di nascosto, un desiderio, una paura, nel medioevo per catalogarli e cercare di spiegarli c’era la teratologia. Per il festival Minimondi nel 2010 insieme all’illustratore e designer Cristian Grossi ho progettato questo laboratorio creativo per i ragazzi delle medie.

“Mentre il Conte si sporgeva verso di me e le sue mani mi toccavano, non ho potuto reprimere un brivido”

Cominciavo io leggendo pezzi di romanzi e racconti, classici e contemporanei, poi si guardavano immagini e video, frammenti di telefilm e scene di film famosi. Poi Cristian attraverso le tecniche dell’illustrazione creativa faceva in modo che ogni ragazzo desse vita alla propria immaginazione per rendere reale il proprio mostro.