All posts filed under: Microracconti

piccoli racconti di paura

Un racconto di paura cortissimo

Alice non è mai scesa da sola in cantina. A tutti fa paura la cantina, è buia e puzza di cadaveri e tutti lo sanno che nell’ombra vivono i mostri e i vampiri e gli orchi e le streghe, che si aprono porte per mondi sconosciuti. Il papà di Alice dice di non aver paura […]

Racconto di paura cortissimo

Non in tutte le case

In tutti i quartieri c’è una casa infestata. Una casa abbandonata con il giardino invaso dall’erba e dalle more. E c’è sempre un amico che poi non è un vero amico e che ti spinge a entrare. Non in tutte le case c’è davvero un demone dell’oltretomba che divora il tuo corpo e la tua […]

mi-ricordo-scrittura-emiliana

Il primo ricordo

Il primo ricordo che ho è mio babbo che mi tiene in braccio per farmi addormentare. È pomeriggio, lo capisco dai cerchietti di luce gialla che ci sono sul mio lettino. Noi siamo in mezzo alla stanza, in piedi. La stanza mia e di mio fratello, ci ho dormito fino all’università. Tutto intorno questi pallini […]

Arcobaleno

L a parola arcobaleno mi fa venire in mente un disco che ascoltavo da piccolo, Ci vuole un fiore di Sergio Endrigo. L’ultima canzone del disco si chiama Non piangere e sembra una canzona tristona, perché Endrigo era un po’ tristone. Invece se la ascolti ti dice tutti i motivi per cui è meglio non […]

Il calzolaio di Liverpool street

C‘era una volta un calzolaio che abitava a Londra in Liverpool street. Era vedovo da un po’ di anni e nella vita aveva solo un gatto e la sua bottega di calzolaio. Un giorno il gatto gli dice Ma chi ce lo fa fare. Chiudi la bottega e partiamo per un viaggio. Il calzolaio accetta […]

Il grembiule celeste

E mi ricordo in primavera l’odore dell’erba tagliata che saliva dal balcone. La nuvola rosa dei susini nel parco e il grembiule celeste. Non l’avevo messo in conto che mi sarebbe mancato, il grembiule celeste, con una tasca sul davanti dove tenevi sempre uno stuzzicadenti.

Fare finta di leggere

Ti siedi al tavolino di un bar del centro. Ordini un cappuccino o un succo di frutta. Per evitare di essere disturbato ti porti un libro e fai finta di studiare, di sottolineare, di rileggere. Ma il libro ti serve solo per osservare meglio. La scena del traffico. Il semaforo che diventa verde e partono […]